S.A.R. (Sistema di Attivazione Reticolare)

Rieccoci qua con un altro post…
Oggi vi voglio parlare di un argomento a mio avviso interessante, su cui ho riflettuto spesso e che è stato chiamato da diverse discipline con nomi diversi.
Come sapete le “parole sono una limitazione del pensiero” o, per dirla nei termini della PNL, “le parole sono una rappresentazione digitale della nostra mappa del territorio”.
Il post di oggi non tratta la diatriba delle “parole”, piuttosto vorrebbe fare luce sul termine S.A.R.
Nei corsi di PNL e negli ambienti della Psicologia il S.A.R. (sistema di attivazione reticolare)
viene spiegato di solito con degli esempi, eccovene uno:
vi è mai successo di voler comprare una giacca? Magari  vi è successo di averla desiderata un bel po’ e finalmente avete sia i soldi che il tempo per andare a comprarla. L’avete visualizzata e immaginata così intensamente che come per “magia” vi siete accorti che quasi tutti avevano quella giacca già prima che la compraste.
Bene, non è che quella giacca in particolare è alla moda o voi avete le allucinazioni e la vedete indossare a tutti.
Più semplicemente avete innescato il vostro sistema di attivazione reticolare che vi rende più attenti/sensibili a quel particolare capo di abbigliamento.
Ma che cos’è il S.A.R.????

SAR, sistema di attivazione reticolare, è un insieme di cellule nervose che crea una rete di contatti tra: corteccia cerebrale, lobi frontali, parti evolute del cervello umano deputate allo sviluppo di idee/pensieri e la parte bassa del cervello, il bulbo e le parti collegate al sistema neuro-vegetativo.
Stimola la veglia e allerta il cervello ed è il filo conduttore tra pensieri, stati d’animo, sistema percettivo, muscoli, organi interni.

In parole meno “serie” il S.A.R. si occupa di farci notare le cose che desideriamo, ci permette di fare attenzione alle cose che abbiamo deciso essere più importanti per noi e infine ci permette di trovare con maggiore intensità e qualità le strade che realizzano i nostri “sogni”o obbiettivi.
Ciò significa che quando siamo focalizzati su qualcosa in particolare siamo anche più predisposti a trovare soluzione per ottenere quel qualcosa.
ATTENZIONE però!!! questo tipo di meccanismo funziona anche per ciò che “non” vogliamo.
Dovete sapere che il nostro cervello non riconosce le negazioni. Mi spiego meglio…
se pensate ad una barca con le ruote, per quanto fiabesca sia  l’immagine, riuscirete a visualizzarla nel vostro cervello.
Ma se cercate di “NON immaginare” quella stessa barca con le ruote, il vostro cervello prima di comprendere cosa non immaginare, dovrà necessariamente processare quell’immagine e poi, solo successivamente, negarla o stare attento ad evitarla.
Provateci è facile:
prova a  NON pensare ad un gatto con le ali !!!!
sicuramente il tuo cervello ti ha prima fatto vedere il gatto con le ali e poi (forse) ci ha messo una bella croce sopra (come a dire: questo no!)
In PNL si spiega spesso che è più importante sapere cosa si vuole
rispetto a quello che non si vuole.
E allora cercate di formulare i vostri desideri in forme “positive”, ditevi:
-“voglio una nuova auto” piuttosto che “non voglio più questo rottame di auto che possiedo”
-“voglio avere più tranquillità, serenità, felicità” piuttosto che dirvi “non voglio più stare così male, essere così stressato etc.”

Esporre i propri desideri al positivo anziché al negativo vi farà evitare di attivare il vostro S.A.R. in maniera scorretta.
Se cercate di evitare la fila al supermercato il sistema di attivazione reticolare si focalizzerà su questa immagine (la fila al supermercato) rendendola più visibile ai vostri occhi e facendo in modo che le vostre strategie siano focalizzate sul “come trovare la fila” !!!!
Dovreste invece formulare il pensiero al positivo:
“vorrei proprio trovare il supermercato vuoto, con pochissima gente, in modo che possa fare la spesa velocemente ed avere più tempo da dedicare a me stesso”.
Anche questo attiverà il S.A.R. ma stavolta con una direzione completamente opposta alla precedente.
Facile vero?  Insomma, si ma anche no!
Siamo abituati a sapere cosa non vogliamo e scappare dalle cose che non ci piacciono e spesso ce le troviamo proprio davanti.
Facciamo di questo una nostra esperienza e restiamo convinti che non si possa proprio far niente.
Il fatto è che la cosa difficile non consiste nel’usare il cervello, quello lo fanno tutti. La cosa difficile è usarlo a nostro favore.
Una delle frasi che si sentono spesso dire in PNL è la seguente:
“tutti quanti nasciamo con un cervello, il problema è che nessuno ti da il libretto di istruzioni”.
Forse, volendo riassumere grossolanamente, la PNL si occupa proprio di questo. Dare un libretto di istruzioni per il cervello!!! (ma di questo ne parlerò in un altro post…)

Per quanto riguarda altre discipline il S.A.R. viene chiamato non solo in altri modi ma viene anche spiegato in altri termini… vediamone qualcuno:

La religione professa la famosa frase di Gesù: “chiedi e ti sarà dato
dove la fede in Dio e la preghiera sono i mezzi per il raggiungimento dei propri scopi.

La Fisica Quantistica e di conseguenza la Psicologia Quantistica, parlano in termini di “osservatore che influenza l’osservato” e di come ognuno di noi fabbrichi la propria realtà.

La Meditazione pone particolare enfasi sulle visualizzazioni e l’osservazione passiva come risorsa per la comprensione dell’essere e strumento per la propria realizzazione.

La legge di attrazione si concentra con  maggiore attenzione sull’aspetto del “desiderio”.

Voglio segnalarvi un video/film che ha fatto scalpore per la sua esemplare semplicità nello spiegare questo concetto della legge di attrazione.  Il titolo è “The Secret”

Ovviamente il fine di questo post è di cercare correlazioni utili all’argomento S.A.R.

e per questo non mi sento di valutare una disciplina più o meno degna delle altre.
Certo vi ricordo che io mi occupo principalmente di PNL, ma sento che questo non limita la mia curiosità nell’affrontare certi temi con assenza di giudizio (anzi!).
Posso garantirvi comunque che il sistema di attivazione reticolare è stato studiato molto dalla Psicologia e dalla Programmazione Neuro Linguistica la quale ne fa un uso
a dir poco ineguagliabile, partendo dai sistemi di ancoraggio passando per i livelli logici
e approdando al concetto di Time-Line.
Ci sarebbe moltissimo da dire su questo argomento, tanto complesso quanto entusiasmante.
Quello che mi sento di suggerire, senza entrare in particolari, è che visualizzare vividamente i nostri sogni e desideri ci permette di elaborare strategie e attuare comportamenti sempre più funzionali al conseguimento di risultati.
Con questo non intendo dire che basti visualizzare per vivere, bisogna anche agire, ma sono certo che consente di focalizzarsi sempre più correttamente sui nostri obbiettivi per raggiungerli più velocemente.
Comprendo che il termine “visualizzare” possa destare degli interrogativi in coloro che non sono troppo addentro a certe discipline e per questo mi riprometto di chiarire meglio nei prossimi post, nel frattempo sappiate che in Italia ci sono professionisti del settore che possono insegnarvi o aiutarvi in questo.
Del resto gli operatori di PNL fanno anche questo, aiutano a comprendere più a fondo e più precisamente, come e cosa è più funzionale per se stessi.

(…e se volete potete contattare anche me ^_^)

Io mi fermo qui, sperando che siate piacevolmente incuriositi dall’argomento e che vogliate approfondire.
Spero anche di essere stato chiaro e di aver semplificato l’argomento S.A.R. per coloro
che non erano ancora entrati in contatto con questa sfaccettatura di noi stessi.
Sapete che potete lasciarmi un commento qui sotto,  se avete apprezzato…

Vorrei lasciarvi però con un paio di frasi che trovo perfette per l’argomento appena trattato.
La prima adoravo scriverla sulla prima pagina dei miei dizionari quando ero ancora a scuola e recita così:

“If you don’t know what are you looking for, you will never find it!”

(se non sai quello che cerchi, non lo troverai mai!)  

La seconda frase che vorrei portare alla vostra attenzione è di cultura più popolare, il che non significa che abbia meno rilevanza: 

“Stai attento a quello che desideri perchè potresti anche ottenerlo” 

Un abbraccio e alla prossima ^_*

Caru

Posted in Ipnosi and tagged , .